martedì 9 gennaio 2018

Prossimo incontro


Il prossimo incontro è fissato per mercoledì, 31 gennaio 2018, alle ore 20:30

Il libro della serata sarà: "Denti bianchi" di Zadie Smith.

 

E questo è il nostro programma per i mesi successivi:

- Febbraio 2018: "Quel che resta del giorno" di Kazuo Ishiguro
- Marzo 2018: "Infedele" di Ayaan Irsi Ali
 


I nostri incontri sono aperti a tutti gli appassionati della lettura!
Ci troviamo ogni ultimo mercoledì del mese (tranne dicembre e luglio!) nel Palazzo Comunale di Ziano P.no (ingresso laterale a sinistra, parcheggio sx del municipio)

Chi è interessato a partecipare è invitato a presentarsi il giorno indicato alle ore 21.00 (oppure ore 20.30 nei mese "invernali" da novembre a febbraio) direttamente lì.
Per info: gruppodiletturaziano@gmail.com

 






domenica 24 dicembre 2017

Incontro del 29 novembre 2017 - L'amore e gli stracci del tempo



“L’amore e gli stracci del tempo” – un titolo forte ed eloquente per questo libro che chiude il nostro mini-ciclo di letteratura albanese. Anilda Ibrahimi, che fino al 1994 ha lavorato come giornalista a Tirana e oggi è consulente per il “Consiglio Italiano per i Rifugiati” a Roma, ci descrive con una prosa asciutta e allo stesso tempo forte uno dei drammi recenti del suo paese di origine: il sanguinoso conflitto in Kosovo.

I protagonisti – oltre alla guerra dei Balcani stessa – sono due famiglie amici. Una è serba, l’altra kosovara di etnia albanese. Quando alla fine degli anni ’90 esplode la guerra nel loro paese anche le loro vite, le loro esistenze sono divise e devastate. I loro figli Ajkuna e Zlatan (albanese lei, serbo lui), innamorati l’una dell’altro sin da bambini, si promettono eterno amore. Ma la storia li separa e loro passeranno tanti anni in cui continuano a cercarsi in tutta Europa.

“L’amore e gli stracci del tempo” è una storia dolce e spesso cruda, un romanzo permeato dalla tristezza e malinconia. Ai membri del nostro GDL che erano presenti all’incontro del 29 novembre ha trasmesso forti emozioni, qualcuno è persino arrivato a piangere durante la lettura. Unico punto in cui i nostri giudizi non erano unanimi: il tipo di scrittura, definita “odiosa con tutte queste frasi corte”  da qualcuno, “scarna, asciutta ma molto poetica” da altri.

Prossimo libro in programma per il nostro GDL: “Denti bianchi” di Zadie Smith. Ne parleremo a fine gennaio 2018.

BUONE FESTE, BUON ANNO E BUONA LETTURA A TUTTE E TUTTI!

(Helga, per il GDL CoLibri)

mercoledì 22 novembre 2017

Prossimo incontro

Il prossimo incontro è fissato per mercoledì 29 novembre 2017 alle ore 20:30

Il libro della serata sarà: "L'amore e gli stracci del tempo" di Anilda Ibrahimi.


  E questo è il nostro programma per i mesi successivi:

- Dicembre nessun incontro!!!
- Gennaio 2018: "Denti bianchi" di Zadie Smith

- Febbraio 2018: "Quel che resta del giorno" di Kazuo Ishiguro
- Marzo 2018: "Infedele" di Ayaan Irsi Ali
 


I nostri incontri sono aperti a tutti gli appassionati della lettura!
Ci troviamo ogni ultimo mercoledì del mese (tranne dicembre e luglio!) nel Palazzo Comunale di Ziano P.no (ingresso laterale a sinistra, parcheggio sx del municipio)

Chi è interessato a partecipare è invitato a presentarsi il giorno indicato alle ore 21.00 (oppure ore 20.30 nei mese "invernali" da novembre a febbraio) direttamente lì.
Per info: gruppodiletturaziano@gmail.com

mercoledì 15 novembre 2017

Incontro del 25 ottobre 2017 - La mano che non mordi



Seconda “puntata albanese” per il nostro Gruppo di lettura: “La mano che non mordi” di Ornela Vorpsi. Un libro corto (solo 86 pagine), senza una trama vera. Più di un “romanzo” (come sostiene la casa editrice in quarta di copertina) è una raccolta di ricordi, di emozioni, di spaesamenti vissuti e sofferti.

Ornela Vorpsi è nata a Tirana nel ’68, ha studiato Belle Arti in Albania e dal ’91 anche a Brera, Milano. Oggi vive e lavora a Parigi. “La mano che non mordi” è  un racconto autobiografico di una generazione di albanesi che hanno lasciato il loro paese dopo la fine della dittatura di Enver Hoxha, ma anche di molti giovani di altri stati balcanici dopo il crollo dei regimi comunisti. 

In “La mano che non mordi” l’autrice/narratrice intraprende un viaggio per far visita ad un amico malato a Sarajevo. E lì si rende conto dello straniamento della sua situazione: di essere sempre “la balcanica” quando sta in Occidente, ma di non fare più parte neanche della “sua gente” quando la incontra. La Vorpsi ci racconta in modo semplice, spesso caustico, i sentimenti di alienazione che colpiscono il migrante che torna al proprio paese di origine dopo aver vissuto all’estero.

Ai partecipanti del nostro GDL il libro della Vorpsi è piaciuto, anche se non ci ha entusiasmati. Eravamo tutti d’accordo che è una bella introduzione all’argomento “migrazione”. Ma anche che in fondo tutti noi preferiamo un diverso stile di narrazione: più trama, più storia.

Terzo e ultimo libro del nostro mini-ciclo albanese: “L’amore e gli stracci del tempo” di Anilda Ibrahimi, di cui parleremo a fine novembre.

(Helga, membro del GDL CoLibri)

mercoledì 18 ottobre 2017

Prossimo incontro

Il prossimo incontro è fissato per mercoledì 25 ottobre 2017 alle ore 21:00

Il libro della serata sarà: "La mano che non mordi" di Ornela Vorpsi.


 E questo è il nostro programma per i mesi successivi:

- Novembre: "L'amore e gli stracci del tempo" di Anilda Ibrahimi
- Dicembre nessun incontro!!!
- Gennaio 2018: "Denti bianchi" di Zadie Smith
 


I nostri incontri sono aperti a tutti gli appassionati della lettura!
Ci troviamo ogni ultimo mercoledì del mese (tranne dicembre e luglio!) nel Palazzo Comunale di Ziano P.no (ingresso laterale a sinistra, parcheggio sx del municipio)

Chi è interessato a partecipare è invitato a presentarsi il giorno indicato alle ore 21.00 (oppure ore 20.30 nei mese "invernali" da novembre a febbraio) direttamente lì.
Per info: gruppodiletturaziano@gmail.com

venerdì 6 ottobre 2017

Incontro del 27-09-2017 , I tamburi della pioggia



Con “ I tamburi della pioggia” di Ismail Kadarè abbiamo iniziato un mini-ciclo di letteratura albanese. 

Il romanzo storico di Kadarè è ambientato nella metà del 15° secolo. Ci racconta alcuni mesi della sanguinosa guerra che i Turchi del potentissimo Impero ottomano combatterono contro il piccolo popolo dell’Albania, e anche del ruolo che il leggendario generale Scanderbeg (il cui nome vero era Giorgio Castriota) aveva nella difesa della capitale del paese.

L’argomento “guerra” forse non era nelle corde di tutti i membri del nostro GDL. Ma quelli che avevano letto il romanzo di Ismail Kadarè (la sottoscritta inclusa) hanno trovato la narrazione “molto interessante”, “coinvolgente”, “affascinante dalla prima all’ultima pagina” (per citare solo alcune voci). 

Quello che ha impressionato erano soprattutto le descrizioni della tattica e logica guerresca di quasi 600 anni fa che nella loro perfidia ci sono sembrati quasi “moderni” : attacchi con super-cannoni sempre più grandi,  lanci di topi infetti di peste, interruzione dell’acqua potabile, stupri e violenze carnali contro delle donne “nemiche” ecc. 

Pur essendo albanese Kadarè ha scelto di descrivere l’assedio turco della cittadella in modo quasi “neutrale”, con gli occhi dei soldati ottomani e del cronista e storico della spedizione, Mevla Celebi. Il cronista era partito con l’enorme esercito ottomano per descrivere l’arte e la bellezza della guerra, ma alla fine non riesce a trovare le parole giuste per la crudeltà di questo assedio.

Solo all’inizio di ogni capitolo c’è un brevissimo passaggio in cui un albanese ci aggiorna sullo sviluppo della situazione. Ci narra della tenacia e strenua difesa della propria indipendenza e libertà da parte degli assaliti e anche come mano a mano da una “facile vittoria” turca si viene a delineare una clamorosa disfatta annunciata dai tamburi della pioggia

Il nostro giudizio: Il romanzo di Ismail Kadarè  ci aiuta a capire la storia, ma anche molte delle tragedie belliche dei nostri tempi. Da leggere!

Prossimo libro, di cui parleremo a fine ottobre: “La mano che non mordi” dell’autrice albanese Ornela Vorpsi. 

(Helga, membro del Gruppo di lettura “CoLibri”)

giovedì 7 settembre 2017

Prossimo incontro

Il prossimo incontro è fissato per mercoledì 27 settembre 2017 alle ore 21:00

Il libro della serata sarà: "I tamburi della pioggia" di Ismail Kadaré.


E questo è il nostro programma per i mesi successivi:

- Ottobre: "La mano che non mordi" di Ornela Vorpsi
- Novembre: "L'amore e gli stracci del tempo" di Anilda Ibrahimi
- Dicembre nessun incontro!!!
- Gennaio 2018: "Denti bianchi" di Zadie Smith
 


I nostri incontri sono aperti a tutti gli appassionati della lettura!
Ci troviamo ogni ultimo mercoledì del mese (tranne dicembre e luglio!) nel Palazzo Comunale di Ziano P.no (ingresso laterale a sinistra, parcheggio sx del municipio)

Chi è interessato a partecipare è invitato a presentarsi il giorno indicato alle ore 21.00 (oppure ore 20.30 nei mese "invernali" da novembre a febbraio) direttamente lì.
Per info: gruppodiletturaziano@gmail.com